FANDOM


In contatto con John Podesta via mail, nonchè in rapporti personali con Tony Podesta, Alefantis è il proprietario del Comet Ping Pong, dove organizza eventi per raccogliere fondi per la campagna elettorale di Hillary Clinton, la quale gli spedisce una lettera ringraziamento, che Alefantis fotografa e mostra orgogliosamente sul suo account Instagram, @jimmycomet.

Su quest'ultimo i segugi del pizzagate leggono diversi commenti che giudicano compromettenti e osservano svariate foto di bambini che ritengono sospette nel contesto delle loro teorie.

Una bambina è immortalata al CPP con le braccia appiccicate ad una superficie con del nastro adesivo. La foto di una stanza vuota, completamente rivestita di metallo, con l'hashtag #killroom, viene interpretata come effettivo luogo di uccisione di bambini, in seguito a stupro e tortura. Si specula che la killroom si trovi sotto il CPP. Alefantis risponde che i complottisti ignorano le verità più semplici: la pizzeria non dispone di una cantina. Varie foto di lavori apparentemente sotterranei contraddicono Alefantis, ma alcuni ricercatori concludono si tratti di un locale appartenente ad un amico del titolare della pizzeria, il cui nickname su Instagram è workingonmahnightcheese, il cheese contenuto in esso stimola ovviamente ulteriori sospetti. Un'altra foto ritrae una bambina col viso in primissimo piano, e la bocca aperta - l'hashtag che Alefantis usa è l'altamente inappropriato "#hotard", termine gergale che unisce whore e retard (prostituta e ritardata).

Alcuni murales raffiguranti umani con corna che reggono teste decapitate vengono ritenuti indiziari. Inizialmente vengono attribuiti a Kim Noble , autrice di dipinti che raffigurano esplicitamente abusi sessuali verso bambini. In seguito ciò viene smentito, l'artista è Arrington De Dyoniso, la cui arte è comunque principalmente basata su raffigurazioni orgiastiche. L'avatar di Alefantis viene identificato come una statua con riferimenti pedofili. Alefantis è lo special producer di un cortometraggio del 2014, Chapel Perilous, in cui qualcuno vede elementi satanisti, ma che ha in realtà un esplicito riferimento a The Cosmic Serpent, libro di tale Jeremy Narby in cui si teorizza che gli sciamani della tribù peruviana degli Ashaninka abbiano accesso a informazioni molecolari.